Cos’è e come funziona il protocollo IPMVP

La valutazione della bontà e dell’efficacia di un intervento di efficientamento energetico è da sempre un problema che assilla gli energy manager ed i responsabili dell’energy management di grandi imprese, ESCo e dirigenti pubblici. Il protocollo IPMVP vuole essere protagonista nell’aiutare lo sviluppo degli interventi di efficienza energetica.

Cos’è il protocollo IPMVP?

Il protocollo IPMVP (International Performance Measurement and Verification Protocol) è un insieme delle Best Practice (Migliori pratiche) ad oggi disponibili per poter verificare i risultati di un intervento di efficienza energetica, un progetto di efficienza idrica o di un progetto di fonti rinnovabili, sia in ambito civile che in ambito industriale.

L’energia, l’acqua e altri valori che vengono risparmiati rappresentano l’assenza di un consumo e quindi non sono misurabili direttamente.

Il risparmio viene determinato confrontando i consumi che c’erano prima e dopo l’intervento o implementazione di un progetto. Ovviamente facendo i dovuti aggiustamenti per tenere in considerazione le variazioni di condizioni che possono essere accadute nel frattempo.

E’ buona pratica che il processo di M&V sia ben integrato all’interno del processo di identificazione, sviluppo e installazione di sistemi e progetti di risparmio energetico.

Obiettivi del protocollo IPMVP

Il protocollo IPMVP viene elaborato e costantemente sviluppato da parte di EVO (Efficiency Valuation Organization) con l’obiettivo di promuovere gli investimenti per migliorare l’efficienza. Il partner Italiano di EVO è il FIRE.

IPMVP indica metodi per valutare le performance di efficienza di progetti per facilitare l’attività di investitori e finanziatori.

Questo protocollo offre inoltre diversi metodi (con diversi livelli di costo e di accuratezza) per determinare il risparmio energetico nel suo complesso oppure per singole misure (ECM – Energy Conservation Measures).

Il protocollo indica anche quali sono i contenuti che vanno inseriti in un Measurement and Verification Plan (M&V Plan).

Il protocollo può essere applicato anche a edifici nuovi o ristrutturati e a processi industriali.

Ad oggi EVO sta lavorando per sviluppare linee guida e terminologie comuni su determinati concetti che vengono posti alla base di tutto il protocollo IPMVP, come i seguenti punti saldi:

  • Statistica e incertezza;
  • Applicazioni sulle rinnovabili;
  • Misura e verifica 2.0;
  • M&V per le ESCo.

I benefici del protocollo IPMVP

I benefici portati dall’utilizzo e la messa in pratica del protocollo IPMVP sono molteplici, i principali possono essere:

  • Maggiore certezza nei pagamenti che sono basati su una performance. Laddove vi è un riconoscimento economico che si basa sul risparmio energetico, il fatto di seguire il protocollo IPMVP assicura le parti sulla bontà delle pratiche che sono state intraprese per ciò che riguarda le misure e le verifiche, e quindi facilitare l’accettazione di una data performance;
  • In caso di EPC (Energy Performance Contract) l’utilizzo di IPMVP può rendere più semplice la negoziazione ed abbassare quindi sensibilmente i costi.

I contratti EPC sono accordi in cui il fornitore si impegna non solo alla fornitura di un servizio ma anche al raggiungimento nel tempo di determinati obiettivi inseriti contrattualmente.

Le opzioni del protocollo IPMVP

Le tipologie di misura e verifica possono variare a seconda delle necessità, del budget a disposizione e del grado di accuratezza della misura che si vuole ottenere.

Esistono due metodi di base per effettuare la misura e verifica seguendo il protocollo IPMVP:

1. Metodo dell’Isolamento dell’AMEE

Questo metodo misura esclusivamente l’impatto dell’intervento AMEE (Azioni di Miglioramento dell’Efficienza Energetica). I risparmi che vengono misurati non sono influenzati da fattori al di fuori del confine di misurazione. Spesso richiede strumentazione di misura dedicata e gli aggiustamenti da fare possono essere semplici.

Opzione A

Isolamento dell’AMEE – misurazione dei parametri principali.

Opzione B

Isolamento dell’AMEE – misurazione di tutti i parametri.

2. Metodo dell’intero impianto/Struttura

Grazie a questo metodo si procede con la misura di tutti gli effetti nell’impianto/struttura, di tutti gli interventi e cambiamenti voluti e non voluti. In questo caso si usano frequentemente i contatori esistenti per il gas e l’energia elettrica. Gli aggiustamenti richiesti possono essere complessi.

Opzione C

Intero impianto/struttura – comparazione dei dati dei contatori fiscali. La misurazione è continua e dura per tutto il periodo di rendicontazione.

Opzione D

Intero impianto/struttura – simulazione al computer calibrata con un software specifico.

 

Fonti:

  • www.fire-italia.org
  • www.evo-world.org

it

Leave A Comment